Bollette: come evitare gli sprechi

0

Sono molti gli italiani che si trovano ogni mese a saldare bollette sempre più alte. Si paga in modo eccessivo per la fornitura di acqua, di energia elettrica, di gas e anche per quella del telefono. Il primo modo per evitare bollette così elevate è un utilizzo più conscio delle risorse, cercando di non sprecarle; ci sono però anche altri metodi che ci consentono di spendere meno ogni mese.

Evitare gli sprechi

Capita spesso di sprecare le risorse che abbiamo a disposizione. In alcune abitazioni sarebbe sufficiente posizionare delle valvole termostatiche ai termosifoni di ogni stanza e un termostato alla caldaia per diminuire gli sprechi di circa il 15-20%, senza modificare in alcun modo le proprie abitudini. Allo stesso modo evitare di aprire le finestre per lungo tempo, lasciare l’acqua della doccia aperta mentre si è al telefono, accendere il riscaldamento anche mentre si è fuori casa, dimenticare mille luci accese: sono tutte brutte abitudini che purtroppo pesano enormemente sul portafogli, soprattutto se avvengono spesso e le si somma a fine anno. Modificare queste abitudini non è difficile, basta avere maggiore accortezza nell’utilizzo della casa.

La ristrutturazione

Un altro buon modo per evitare gli sprechi di energia consiste nel ristrutturare la casa. Le modifiche che incidono sui consumi sono varie, si va dalla sostituzione degli infissi a quella della caldaia antiquata con una a condensazione; si può anche migliorare gli scambi termici con l’ambiente esterno posizionando un cappotto termico sulle pareti esterne, o anche introdurre alcuni elementi di domotica all’interno dell’abitazione, che ci permettano di monitorare l’accensione di luci e impianti nel corso della giornata.

Una ristrutturazione completa della casa può essere molto costosa, ma si deve anche ricordare che il risparmio è importante, fino al 40% al mese. Inoltre lo Stato Italiano riconosce interessanti bonus a chi ristruttura la propria casa, diminuendo il consumo energetico. Per alcune migliorie si può ottenere il 65% di quanto speso come rimborso sull’IRPEF, per altre fino al 50%. Il bonus viene suddiviso in 10 rate annue, ma visto l’ammontare del risparmio si tratta di un aiuto molto interessante.

Cambiare gestore

Un altro modo per risparmiare consiste nell’approfittare delle offerte dei gestori di servizi. Non tutti i gestori infatti propongono il medesimo tipo di contratto. Si pensi ad esempio alla linea telefonica e alla connessione a internet: con alcuni gestori il risparmio può essere di circa il 50% rispetto a quanto si paga ora. Lo stesso avviene con i gestori per la fornitura di energia elettrica o di gas per il riscaldamento. Ad esempio il Risparmio Energia Wekiwi è un modo intelligente per coinvolgere i propri clienti.

In pratica al momento della stipula del contratto si deve fare una stima di quanto si consuma mensilmente, stabilendo la propria “carica”. La bolletta mensile avrà un costo prefissato, se i consumi sono vicini a tale stila si ottiene uno sconto del 20% sulla quota energia della bolletta stessa. Wekiwi consente ai suoi clienti di monitorare i consumi grazie ad una app facile da utilizzare, cosa che porta automaticamente a fare maggiore attenzione agli sprechi inutili.

Share.